Mutuo Fondiario – Definizione e Significato

Si sente spesso parlare di mutuo fondiario, ma non tutti hanno compreso al meglio le caratteristiche di questa modalità di finanziamento. Andiamo quindi a elencare la definizione e le caratteristiche principali del mutuo fondiario.

In cosa consiste il mutuo fondiario? viene definito finanziamento immobiliare con particolari vantaggi per chi acquista una casa già finita o in fase di ultimazione.

Quali sono le caratteristiche del mutuo fondiario? l’opzione principale che lo contraddistingue è il tetto massimo percentuale di denaro erogabile, trattandosi infatti di un mutuo immobiliare tiene in considerazione il valore dell’immobile. Della cifra riportata sulla perizia la banca, attraverso il mutuo fondiario, eroga un finanziamento massimo pari all’80% del valore, se supponiamo quindi che il valore della casa è 100 mila euro la banca arriverà a versare un massimo di 80 mila euro come regolato dalle leggi attualmente in vigore. Altra caratteristica del mutuo fondiario è la presenza di un piano di ammortamento a medio-lunga durata, un vantaggio per chi non dispone di una garanzia mensile troppo alta.

Quali sono le differenze tra mutuo edilizio e fondiario? sostanzialmente la differenza tra le due tipologie sta nella concessione dell’intera somma di denaro in soluzione unica, per i mutui edilizi infatti il denaro richiesto viene versato in più soluzioni le cui scadenze dipendono dallo stato di avanzamento dei lavori. Da questo si può facilmente dedurre che grazie al mutuo fondiario si può acquistare un immobile già costruito mentre con quello edilizio questa soluzione non è possibile, mancando la maggior parte dei fondi disponibili.

Quali sono le garanzie del mutuo fondiario? per questo particolare mutuo si utilizza solitamente una ipoteca immobiliare pari ad un massimo dell’80% del valore.

Quali sono i vantaggi del mutuo fondiario? per il richiedente ci sono diversi vantaggi nel ricevere questo tipo di finanziamento, di seguito andremo a citare i vantaggi principali ma potrebbero sussistere delle opzioni extra, incluse nel contratto dalla banca, per favorire la firma dell’accordo. Primo vantaggio da citare è la riduzione dell’ipoteca una volta estinto una parte del debito totale, questo riduce la pressione sull’immobile ed assicura una maggiore garanzia al cliente. Altro fattore positivo riguarda le abitazioni condominiali, esse infatti sono soggette ad una suddivisione del finanziamento in quote e al frazionamento dell’ipoteca, tutto questo calcolato in base alla quota della propria unità abitativa. Riguardo i costi di gestione si hanno vantaggi relativi alle pratiche notarili, esse infatti sono ridotte alla metà sollevando il cliente da oneri economici particolarmente importanti. Ultimo vantaggio è la possibilità di estinzione anticipata del debito tramite il pagamento di una commissione.