Factoring – Definizione

Molti si chiedono in cosa consista il Factoring, in questa guida faremo un quadro generale dell’argomento. Senza ulteriori indugi cominciamo a spiegare di cosa si tratta.

In cosa consiste il Factoring? Si tratta di un contratto stipulato tra l’azienda ed il cliente che sanciscono preventivamente le operazioni da mettere in atto una volta scaduti i termini degli accordi e affari conclusi dal cliente. In poche parole è possibile che un determinato cliente x abbia bisogno di un intermediario che si occupi della parte burocratica, e non solo, durante un investimento o un accordo tra più parti. L’azienda che stipula il Factoring, detta Factor, garantisce al cliente la consegna del denaro, in forma anticipata o alla scadenza delle cedole, di tutto l’ammontare guadagnato su base di interesse nominale. In questo modo l’investitore avrà subito il denaro che gli spetta e l’azienda Factor agirà per conto di quest’ultimo andando a riscuotere presso la terza parte in causa, ovviamente ci sono dei guadagni per l’azienda che offre l’accordo in Factoring, non è raro soprattutto in questo periodo trovare alcuni debitori non in grado di pagare nel momento in cui scadono i termini d’accordo, in questo caso il Factor guadagna dagli interessi maturati sul debito e trae profitto non calcolabile in modo preventivo.

Il Factor si occuperà, come già detto, delle pratiche finali compresi i calcoli dei costi di gestione e tanti altri fattori che adesso sarebbe inutile elencare visto che appartenenti ad una sfera tecnica difficilmente compresa dai più.

L’investitore quindi si affida al Factoring nel momento in cui vuole ottenere una garanzia sul proprio investimento, questo avviene in vari casi ma nella maggior parte di essi c’è aria di pagamento posticipato da parte del debitore, quindi si interpone tra le parti una terza figura che avrà contatto diretto con la parte in difetto sollevando la parte lesa dai suoi oneri.

I vantaggi del Factoring li abbiamo sommariamente spiegati prima, una maggiore tranquillità sull’investimento e delega ad una figura professionale per la risoluzione degli obblighi finali previsti dalla legge italiana.

Gli svantaggi del Factoring consistono in costi di gestione obbligatori e rendimento calcolato in base al valore nominale dell’investimento, nel momento preciso del termine dell’accordo, oltre a questo pesa anche l’eventuale guadagno ottenuto per il mancato pagamento, ottenendo così meno rendimento dall’investimento a vantaggio però di un pagamento sicuro immediato.

In conclusione il Factoring è un’arma preziosa per le aziende che vogliono ottenere una garanzia riguardo i propri investimenti, le società Factor hanno il compito di approfittare delle debolezze del mercato ottenendo profitto dalla crisi in corso. Questo meccanismo sta diventando sempre più presente in Italia quindi valutate attentamente la scadenza dei vostri crediti ed eventualmente stipulate un contratto di Factoring prima che essi siano giunti a scadenza, assicurandovi un interesse nominale sicuro.