Come Investire in Diamanti

In questo articolo mettiamo a disposizione alcuni consigli su come investire in diamanti.

In tempi di crisi, si cerca un investimento redditizio nel tempo. Sono in molti quelli che, sentendo parlare di crisi bancaria, puntano a un investimento su qualcosa che possono conservare e tenere in casa con le dovute attenzioni.

Solitamente si sceglie di investire soprattutto nell’oro. Peccato che questa forma di investimento venga tassata. Un’ottima alternativa è investire nei diamanti. I diamanti sono considerati un ottimo bene rifugio perché non è possibile trovarne in quantità tanto elevate da causare un abbassamento della quotazione sul mercato.

Per investire in diamanti, dovete inizialmente far valutare e certificare il diamante, le variabili in gioco sono la grandezza, la purezza della gemma, il taglio e il peso. Per farlo, non dovrete andare dal gioielliere, ma necessariamente da un istituto specializzato nella valutazione del cosiddetto diamante finanziario, ossia quello utilizzato come riferimento per gli investimenti e non quello che si trova in collane e gioielli preziosi.

In Italia a occuparsene è l’IGI, Istituto Gemmologico Italiano, ma esistono anche due società negli Stati Uniti, AGS e GIA, l’EGL e l’HRD. Tutti gli scambi avvengono naturalmente al cambio con il dollaro, che è la base per la quotazione delle altre monete.

Vediamo quali sono i lati negativi dell’investire in diamanti. Il primo è che si tratta di un investimento a lungo termine, quindi dovrete aspettare 20 anni per recuperare quanto avete investito più l’interesse applicato all’operazione. Il secondo, invece, è che, investendo con il dollaro, dovete tenere sempre ben presente il tasso di cambio.

Un altro modo per ottenere un rendimento dal diamante è assicurarlo per il suo valore. In caso di furto, l’assicurazione coprirà i danni subiti, restituendovi il capitale investito nel diamante e, se siete fortunati, anche con un buon tasso di interesse.