Come Funziona il Trading Online

L’espressione trading on line identifica la negoziazione di titoli mobiliari attraverso il Web, come se si fosse realmente in Borsa.

In Italia il trading on line ha raggiunto un’ampia diffusione negli anni della cosiddetta “new economy” alla fine degli anni Novanta. Oggi sono molte le banche che offrono questo servizio, con grandi guadagni in termini di rapidità di intervento sui mercati: il trading on line, infatti, consente di inoltrare gli ordini di acquisto e di vendita in tempo reale su quasi tutte le Borse mondiali, basando le proprie scelte su informazioni dettagliate riguardo i prezzi correnti e su analisi di mercato aggiornate, senza doversi spostare da casa o dall’ufficio.

Come funziona

Per fare trading on line è necessario sottoscrivere il relativo contratto con una banca o con una Sim (società di intermediazione mobiliare) che offra questo servizio. Se previsto, è possibile anche abilitare il proprio conto corrente al trading on line.

Una volta attivato il servizio, sarà sufficiente collegarsi al sito della propria banca ed entrare nell’area personale tramite i codici e le password che sono state fornite. Si avrà così un accesso diretto alle informazioni sulla propria disponibilità finanziaria e sulle quotazioni dei titoli che è possibile acquistare o vendere e si potrà in ogni momento procedere alla negoziazione.

Chi fa trading on line

Chiunque voglia investire in titoli può decidere di operare con il trading on line. Non esiste un “trader” tipo: si va dall’investitore che effettua quotidianamente numerose operazioni di compravendita sfruttando le oscillazioni minime dei titoli (il cosiddetto “day-trader”) all’investitore meno attivo, che investe in determinati titoli e ne mantiene la proprietà per anni.

In ogni caso, per operare direttamente sui mercati è consigliabile avere una conoscenza approfondita di tutti gli strumenti finanziari e dei meccanismi di funzionamento del mercato borsistico. E avere un’idea precisa del grado di rischio che si è disposti a correre e di quali obiettivi si vogliono raggiungere: come in ogni forma di investimento, infatti, occorre tener presente che esiste una diretta correlazione tra rischio e rendimento, da valutare sulla base della propria capacità patrimoniale, delle proprie aspettative e dell’orizzonte temporale dell’investimento stesso.

Se non si ha una preparazione adeguata per operare in Borsa da soli, è sempre consigliabile rivolgersi alla propria banca e decidere con l’aiuto di un consulente fidato come investire i propri risparmi.