Cessione del Quinto dello Stipendio INPDAP – Informazioni Utili

La Cessione del quinto dello stipendio INPDAP consiste in un finanziamento che viene concesso a tutti i dipendenti delle amministrazioni pubbliche che hanno bisogno di liquidità. Logicamente per accedere alla cessione del quinto dello stipendio concessa dall’ INPDAP bisognerà rispettare determinati requisiti. Prima di tutto bisognerà essere dipendenti di un’amministrazione pubblica con contratto a tempo indeterminato; aver conseguito come minimo 4 anni di servizio presso l’amministrazione stessa, infine, non avere altre ritenute in busta paga che sommate superino i due quinti dello stipendio.

Si definisce cessione perché appunto avviene una trattenuta in busta paga e del quinto perché la rata non può eccedere un quinto dello stipendio netto del dipendente. Nella Cessione del quinto la rata viene detratta direttamente dal salario o dalla pensione. In questo caso, a differenza di altri tipi di prestiti, è l’azienda per la quale si lavora o l’NPDAP (nel caso di una cessione del quinto della pensione) a pagare la rata direttamente alla finanziaria o alla banca.

Il tasso di interesse applicato è spesso molto conveniente rispetto a un prestito tradizionale, è comunque variabile sulla base della società finanziaria o banca che lo eroga. La durata di tale prestito potrà essere di 10 anni (120 mesi) o in alcuni casi di 5 anni (60 mesi).

Per ottenere la cessione del quinto dall’ INPDAP bisogna inoltrare un’apposita richiesta compilata su di un modulo rilasciato dall’istituto di previdenza per i dipendenti dell’amministrazione pubblica. La domanda va redatta in quattro copie da presentare presso l’amministrazione per la quale si è dipendenti, e alla stessa devono essere allegati
la documentazione attestante lo stato di bisogno e l’eventuale spesa a seconda della motivazione prevista nel Regolamento.

Risulta essere importante sapere che non è possibile rinnovare una cessione in corso se non sono trascorsi due anni dall’inizio di una cessione di durata quinquennale o quattro anni dall’inizio di una cessione decennale. Con la nuova concessione verrà estinta anticipatamente la precedente. È consentita l’estinzione anticipata in qualsiasi momento mediante versamento del debito residuo. In caso di estinzione anticipata il richiedente non potrà ottenere un’altra cessione del quinto dall’Inpdap per tutto l’anno successivo.