Carte di Credito American Express

La “American Express Company” o “Amex” o “Amexco” è una società di servizi finanziari con sede a New York, Manhattan, in Europa la sede è a Londra, in Italia a Roma.

La “American Express Company” è una delle 30 società finanziarie che compongono il Dow Jones (Dow Jones Industrial Average), uno dei maggiori indici borsistici di riferimento per il calcolo dell’economia internazionale.

A differenza dei “circuiti di pagamento”, la American Express è una vera e propria emittente di carte di credito. Ovvero: non si occupa solamente, come per accade per la carte di credito della Visa o, attraverso ilcircuito Cirrus Maestro, quelle della MasterCard, di fornire il “servizio” relativo al funzionamento delle carte di credito, ma gestisce anche i fondi “contenuti” nel credito della carta, per intenderci; quindi, non si serve dell’appoggio di istituti bancari per l’emissione dei suoi prodotti finanziari, ma li gestisce, eroga, finanzia ed emette in assoluta autonomia.

Dalla sua nascita come società di corrieri nel 1850, come vedremo nel prossimo capitolo, infatti, dal 1919 si affianca alla “American Express Bank”, che ha le funzioni di una vera e propria banca.

Storia

La società “American Express” è stata costituita nel 1850 da tre imprenditori americani: Henry Wells, William Fargo e John Butterfield come società di trasporto valori.

Risale al 1891, ad opera di un dipendente della società, Marcellus Berry, l’introduzione del primo strumento nel quale viene applicato il principio di “credito” della carta di credito: l’ American ExpressTravelers Cheque.

La prima vera “carta di credito”, dalle funzioni primitive di quelle che troviamo oggi sul mercato, risale al 1958 ed è subito un successo enorme per la societàAmerican Express, che da qual momento cominciò a diversificare le varie offerte in base alle diverse esigenze della clientela. Dalla carta di credito in cartoncino si passa a quella in plastica nel 1959: la “moneta elettronica” poteva circolare in tutto il mondo.

–         1966: viene messa sul mercato la “Carta Oro”;

–         1999 la “Carta Blu”, che introduce la possibilità di pagare il debito ratealmente, alla pari di un vero e proprio prestito (carta di credito revolving);

–         1999 la “Carta Centurion

In Italia, la società “American Express” nacque a Genova agli inizi del 1900 e a Roma nel 1914; le sue carte di credito sono state diffuse dagli inizi degli anni ’70; dal 2000 è stato attivato il sito italiano della società.

Vediamo le principali tipologie di carte di credito che la American Express emette.

La “Blu American Express”

La “Carta Blu” della American Express è la carta di credito“base” della società.

Ha le funzioni di una carta di credito tradizionale collegata ad un conto corrente bancario, con il sistema revolving: dà, cioè, la possibilità di approfittare di un credito anche oltre quello disponibile sul conto corrente; la possibilità, cioè, di usufruire di quella particolare tipologia di prestito che va sotto il nome di “scoperto di conto corrente” (appartenente alla categoria dei “prestiti bancari”). Per la restituzione di tale prestito, “erogato” immediatamente mediante il semplice utilizzo della carta di creditoda parte del suo titolare, vengono utilizzati due metodi, scelti di volta in volta dal titolare stesso:

–         restituzione mediante rateizzazione;

–         restituzione in un’unica soluzione (alla stregua di una carta di credito a saldo).

E’ previsto un Servizio Clienti telefonico 24 ore su 24, che assiste i clienti per tutti i tipi di informazioni, comprese questioni riguardantifurto, smarrimento o utilizzo fraudolento della carta; gli acquisti sono protetti da una speciale assicurazione; è prevista la possibilità di accedere ad una pagina personale nel sito della American Express, per controllare in tempo reale le operazioni effettuate in entrata e in uscita.

La “Carta Verde American Express”

La Carta Verde della American Express, oltre alle funzioni di base che abbiamo visto per quella “Blu”, ha la particolarità di rientrare in un programma di “Membership Rewards”, ovvero un “Programma Fedeltà”, alla pari delle carte Fedeltà o Fidelity Card: sono quelle carte di credito che fanno parte di un progetto di marketing che va sotto il nome di “fidelizzazione” e che tende a “fidelizzare”, ossia “mantenere fedele” il cliente alla società mediante una serie di promozioni e offerte esclusivamente dedicate ai possessori della carta stessa: i titolari dellacarta, sentendosi “privilegiati” per avere la possibilità esclusiva di potere accedere a tali promozioni e offerte, saranno in questo modo più motivati a “restare fedeli” alla società.

Nel caso particolare della American Express, la fidelizzazioneriguarda la possibilità di accumulare punti per ottenere premi nell’ambito di viaggi, sconti presso rifornitori di carburante, particolari vantaggi presso alcuni negozi di abbigliamento, di elettronica, e di tutta quella catena di “partners” rientranti nel programmafidelizzazione.

La “Carta Oro American Express”

La “Carta Oro” dellaAmerican Express ha le funzioni di base di quella “Blu” riguardo ilcredito e la possibilità di rateizzare o liquidare il prestito ottenuto mediante l’utilizzo dellacarta in un’unica soluzione; stesse funzioni riguardo l’accesso ad una pagina personale nel sito; ha anche, alla pari della precedente “Verde”, la particolarità di rientrare nel programma di fidelizzazione “Membership Rewards” ed ha in più:

–         la possibilità di usufruire dei servizi forniti dalla “Agenzia Viaggi Carta Oro”: assiste i titolari della Carta Oro in qualsiasi problema relativo a viaggi nazionali e internazionali e offre la possibilità di convertire immediatamente i “punti” in biglietti aerei delle compagnie aderenti al programma;

–         l’accesso alla “American Express my e-vents”: per avere informazioni su spettacoli teatrali, musicali, eventi sportivi e manifestazioni particolari, richiederne il biglietto e godere di un canale preferenziale per il suo acquisto;

–         prevede delle assicurazioni particolari su viaggi e acquisti effettuati all’estero.

La “Carta Platino American Express”

La Carta Platino è una carta particolare: intanto, non è una, ma ne comprende tre e ne può prevedere fino a sette.

Per i titolali della “Platino”, infatti sono previste:

–         la Carta Platino di base;

–         la “Carta Platino Addizionale”, per distinguere le spese di lavoro da quelle personali;

–         la “Carta Platino Supplementare”;

–         fino ad un massimo di quattro “Carte Oro” Supplementari, da distribuire a piacere a chi si vuole.

Per i titolari di questa carta particolarmente prestigiosa (e costosa) è previsto un “Servizio Lifestyle”: un servizio di assistenza a “tutto campo”, per così dire, che assiste, cioè, il titolare della carta di credito non solo riguardo problemi relativi alla carta di credito in sé stessa (furto, smarrimento, frode, sostituzione, limiti di credito, modalità di rimborso del debito), ma anche riguardo problemi di vita quotidiana, che possono essere, ad esempio, un rubinetto che perde e quindi la necessità di rivolgersi ad un idraulico, un corto circuito nell’impianto elettrico dell’auto, la necessità di ricorrere ad un dentista per un ascesso ad un molare …

La “Centurion Card American Express”

Sulla “Centurion” dellaAmerican Expresssarebbe il caso di dedicare una guida a parte, perché è una carta di creditodavvero particolare: per i dettagli vi consiglio di visitare il sito ufficiale della società (magari quello in italiano); daremo qui delle informazioni di base.

Nasce il 14 ottobre 2004 e diciamo che si può considerare l’evoluzione della Carta Platino, in un certo senso: costa tanto, ma offre tanti vantaggi, che spaziano in vasti settori, alla pari della Carta Platino(rubinetto che perde, ascesso al molare, …).

“Per i Titolari American Express più attenti e selettivi”, si trova scritto nel sito della società, o anche: “la Carta più esclusiva del mondo”; nel sito, poi, viene pubblicizzato particolarmente anche il “look” della versione “Black”, che, a parere di chi scrive, darebbe particolare eleganza alla carta in sé stessa (io aggiungerei che bisognerebbe adattarla al colore del portafogli …).

Accesso a grandi eventi, organizzazioni stessa di grandi eventi (matrimonio della figlia, anniversario della suocera), risoluzioni di problemi da parte di uno staff di assistenza sempre disponibile, telefonicamente e on line, particolari sistemi di accumulo punti e premi legati al sistema della fidelizzazione, ampie copertureassicurative su viaggi, acquisti, malattia, auto.

La “Carta Business American Express”

Le ultime due carte dicredito della American Express che citeremo in questa guida sono dedicate alle piccole, medie e grandi aziende.

La Carta Business può essere richiesta da titolare di una ditta individuale o dal rappresentante legale di una società di persone (S.n.c.) o di capitale (S.r.l., S.p.A.), con almeno due anni di attività.

Alla pari delle altre carte di credito, la Carta Business di base dà la possibilità di accedere ad un credito oltre la disponibilità del fondo presente nel conto corrente; ma la novità è che, qui, non ci sono limiti massimi di prelievo.

Il titolare di questa carta, a nome della società che rappresenta, può inoltre usufruire del “Servizio Express CashSM”, che gli permette di prelevare contanti dagli sportelli automatici ATM, alla pari di una carta bancomat.

Il servizio on line per i titolari della Carta Business, inoltre, è particolarmente elaborato e permette un monitoraggio dettagliato delle entrate e delle uscite effettuate tramite la carta stessa.

E’ inoltre possibile richiedere una “Carta Business Supplementare”: solitamente, viene data ai collaboratori del titolare per effettuare pagamenti inerenti la ditta o società; su questa carta è possibile regolare un credito massimo di spesa o stabilire dei limiti di spesa differenti a seconda delle destinazioni del denaro in uscita.

Anche per questo tipo di carta di credito, come per quelle personali, è previsto un Servizio Clienti, una assicurazione viaggi e una partecipazione al programma di fidelizzazione “Club Membership Rewards”.

La “Carta Oro Business American Express”

I requisiti per potere richiedere questa carta di credito professionalesono un po’ più selettivi della precedente: per poterne fare richiesta, infatti, da parte di ditte individuali o di società, è necessario avere un reddito annuale lordo pari o superiore a Euro 15.000,00.

Come per la precedente: non esiste un tetto massimo per il creditoprelevabile dalla carta; c’è la possibilità, mediante il “Servizio Express CashSM”, di prelevare contante dagli sportelli automatici ATM; esiste la possibilità di accedere ad una pagina personale nel sito dellaAmerican Express per monitorare le attività della carta di credito(qui il sistema è più sofisticato rispetto alla carta precedente); è possibile fare richiesta di una “Carta Oro Business Supplementare” con più raffinati sistemi di gestione dei limiti di spesa della carta supplementare della precedente tipologia di carta, è fornita di assicurazione viaggio e vita; rientra nel programma difidelizzazione.

Le novità sono due:

–         il servizio di assistenza fa capo a consulenti aziendali specializzati per fornire le opportune risposte;

–         è possibile domiciliare sulla carta di credito le utenze (luce, gas, telefono), che fanno riferimento alla società, che possono essere detratte dalla dichiarazione dei redditi.

Molto interessante.