Cambiale in Bianco – Guida

Potete usare la cambiale in bianco in diverse situazioni, per esempio, se volete creare un accordo con il vostro creditore, ma non sapete l’esatto ammontare del vostro debito.

La cambiale in bianco si definisce così perché mancano alcuni caratteri distintivi

-L’importo

-Il luogo e la data di emissione

-Il luogo e la data in cui pagare la cambiale.

Considerate che, dove non indicato, il luogo dove pagare la cambiale è lo stesso in cui viene emessa la cambiale. Detto questo, la cambiale in bianco è valida ad alcune condizioni. Senza luogo e data di emissione, per esempio, la cambiale in bianco non è valida, perché non si sa quando i due contraenti si sono messi d’accordo e dove.

Se manca l’importo, invece, la cambiale in bianco si può girare tranquillamente, ma entro tre anni dalla data di emissione del titolo, questo campo deve essere riempito. Fate attenzione ai riempimenti illegittimi, mettiamo il caso di un debitore che emette una cambiale in bianco. Il suo debito con la banca è di 100000 Euro. Questi non potrà indicare come importo 10000 Euro e pagare la cambiale, pensando di aver risolto così il suo debito. Ciò che ha fatto è un riempimento illecito di cambiale, lontano dagli accordi presi. Si tratta di un vero e proprio reato fiscale, che si configura in sede civile e penale, quindi fate molta attenzione. Riprendendo il nostro esempio, la banca può portare il debitore insolvente in tribunale, chiedendogli di restituire i 90000 Euro più una penale da accertare durante il procedimento giudiziario.

La cambiale in bianco può essere girata diverse volte, ma sappiate che il riempimento, così come le responsabilità legate alla cambiale in bianco, dipendono soltanto dal creditore e dal debitore che hanno emesso il titolo. Le cambiali in bianco sono accettate ovunque.